Agrofauna ed il monitoraggio al Parco Nazionale del Circeo (Latina)

Nel corso degli ultimi due anni Agrofauna è stata impegnata con il Progetto di Monitoraggio faunistico della lepre italica (Lepus corsicanus) e del cinghiale (Sus scrofa) nel Parco Nazionale del Circeo (Latina).

Il progetto, inserito nell’ambito dell’azione trasversale “Progetto di conservazione della lepre italica” e “Progetto della gestione del cinghiale nei parchi nazionali”, prevede il monitoraggio di queste specie, con cadenza mensile, attraverso l’utilizzo di diverse tecniche di indagine.

Fototrappolaggio di uno striato (un piccolo di cinghiale)

Fototrappolaggio di uno striato (piccolo di cinghiale)

Per entrambe le specie è stato effettuato il monitoraggio attraverso la tecnica del fototrappolaggio,  e del censimento notturno con l’ausilio di fari ad alta intensità luminosa.
Per quanto riguarda il monitoraggio della lepre italica, inoltre, è stata utilizzata la tecnica del pellet count, ovvero la ricerca delle fatte (feci).

Per il monitoraggio del cinghiale è stata adottata una tecnica esclusiva, il monitoraggio del “roooting”, ovvero il monitoraggio dell’azione di scavo del cinghiale in determinate aree (plot), preventivamente individuate in maniera random.

L’attività di fototrappolaggio ha permesso di individuare sia gli animali oggetto del monitoraggio, sia molte altre specie, come il daino (Dama dama), numerosi volatili ed altri mammiferi.

I dati ottenuti dal monitoraggio hanno permesso di approfondire le conoscenze scientifiche delle specie, in particolar modo gli aspetti genetici ed alimentari per la lepre italica (Lepus corsicanus) ed il comportamento del cinghiale (Sus scrofa) in ambiente libero con i suoi conspecifici ed in relazione ad altre specie animali.

Share
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi