La Coturnice di Sicilia on-line la scheda per FIDC Sicilia

Le dimensioni della coturnice di Sicilia sono inferiori alle altre sottospecie, 32-35 cm circa di lunghezza ed apertura alare che varia dai 46 ai 53 cm. Solitamente il peso del maschio non supera i 600 grammi e quello della femmina può arrivare a poco più di 300 g. Ha una colorazione del piumaggio caratteristico: color bruno-olivastro scuro nel basso dorso e nel sopracoda, che non è a tinta unita ma punteggiata e color bianco sporco sulla gola, che presenta un collare sottile spesso interrotto nella parte centrale.

La coturnice di Sicilia è una sottospecie endemica della Sicilia.

In passato molto diffusa sul territorio siciliano, a partire dagli anni ‘50 si è assistito ad un decremento numerico ed una diminuzione del suo areale. Ad oggi le popolazioni sono presenti all’interno di Parchi e Riserve Naturali (Madonie, Nebrodi, Etna e Sicani) ed in alcune zone non protette.

Da recenti monitoraggi in zone specifiche dell’isola, è stato possibile risalire ad un numero approssimativo. Nella zona di protezione speciale, ZPS, di “Monte Cofano, Capo San Vito e Monte Sparagio”,in provincia di Trapani, che ha un areale di circa 16 ettari, sono state contate 66 coppie.

Il comportamento della coturnice di Sicilia è tendenzialmente gregario, infatti vive in gruppi per buona parte dell’anno tranne che nel periodo riproduttivo, momento in cui i gruppi si disgregano dando origine a coppie territoriali.

Gli habitat preferiti da questo animale sono rappresentati da spazi aperti con zone rocciose, prati, distese erbacee ed essenze di macchia mediterranea. Non disdegna tuttavia ambienti boschivi radi o al margine di aree aperte. Per quanto riguarda la distribuzione altitudinale la coturnice di Sicilia nidifica da zone al livello del mare, con habitat ideale, a zone che arrivano oltre i 2000 metri sull’Etna.

La coturnice di Sicilia è poco incline al volo infatti preferisce muoversi sul terreno.

La coturnice di Sicilia può nidificare tra le rocce o su colline aperte, creando delle cavità poco profonde nel suolo, circondate da vegetazione. La nidificazione può avvenire anche ad elevate altitudini. La deposizione varia in base all’altitudine ed avviene dalla fine di Marzo a Maggio. La femmina può deporre dalle 8 alle 16 uova e vengono incubate per circa 25 giorni. I pulcini appena nati abbandonano il nido, ma sono comunque accuditi dal maschio e dalla femmina. A due settimane dalla nascita compiono i primi voli.

Questa sottospecie siciliana si ciba prevalentemente di essenze erbacee spontanee, fiori, frutti e semi di piante appartenenti alle Leguminose, Graminacee, Umbellifere, Rosacee, Asteracee, Umbellifere e Smilacacee. Talvolta in estate si ciba anche di Artropodi, come i coleotteri.

Share
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi