Prevenzione danni Berignone

Il progetto,messo in atto dall’ATC 15 in collaborazione con Provincia di Pisa e la Comunità Montana dell’Alta Val di Cecina è giunto ormai al terzo anno di applicazione. Anche quest’anno è stato realizzato con la stretta collaborazione tra le squadre di cinghiale e gli agricoltori.

La recinzione 2011-2012 ha la stessa lunghezza della passata stagione, ha uno sviluppo di 7,5 km di lunghezza, e si dispone su 4 fili per un totale di 30 km. Anche quest’anno, vista la particolare lunghezza, è stata alimentata da 5 trasformatori su tre punti di corrente dislocati presso le abitazioni degli agricoltori. In questo modo si è garantito il mantenimento di un’adeguata potenza di scarica sul recinto e si è ridotto notevolmente il problema delle interruzioni su tutta la linea nel caso di rotture da parte di animali o agenti atmosferici.

Al fine di ridurre il più possibile la presenza di ungulati all’interno dell’area difesa dalla recinzione, l’ATC ha richiesto al Servizio Difesa Fauna la possibilità di effettuare interventi di allontanamento dei cinghiali rimasti nella zona in questione.

È stato realizzato inoltre un piano di foraggiamento dissuasivo all’interno della Riserva Naturale di Berignone per alleggerire la pressione sulla recinzione elettrica da parte degli animali in cerca di alimentazione.

 

 

Con il 2012 lo scopo del progetto è stato abbondantemente raggiunto. Le cifre relative agli indennizzi, hanno un valore enorme dato che dobbiamo considerare il fatto che il 2012 è stato un anno particolarmente pesante per quanto riguarda i danni da fauna selvatica ed in particolare da cinghiale. L’impegno ed i risultati ottenuti quindi devono essere amplificati dal fatto che sono stati ottenuti proprio in uno degli anni più difficili dal 2003 ad oggi.

Si auspica la continuazione di tale progetto come opera di normale gestione del territorio.

Vai alla relazione del progetto per un approfondimento.

Commenti chiusi